Una voce dal Livenza 2019

Anni precedenti

Cerca

 

 

Articoli

SABATO 25 MAGGIO 2019, ore 17.00
Palazzo Ragazzoni - Sacile (PN)
 
INGRESSO LIBERO
 
 

 

"LA MISURA DELL'UOMO" 
 
 
 
Presentazione del romanzo con l'autore MARCO MALVALDI
e la mediazione dello scrittore Andrea Maggi
 
Intervento musicale: Duo Tientalora
Alessandra Vianello, vihuela - Gianni Cuzzolin, chitarra rinascimentale
 
  
   

 

VEDI LE FOTO

UN TACCUINO SEGRETO. UNA MORTE INSPIEGABILE. UN GENIO CHE A DISTANZA DI CINQUE SECOLI GIOCA CON LA NOSTRA INTELLIGENZA E CI COLMA DI STUPORE.

Ottobre 1493. Firenze è ancora in lutto per la morte di Lorenzo il Magnifico. Le caravelle di Colombo hanno dischiuso gli orizzonti del Nuovo Mondo. Il sistema finanziario contemporaneo si sta consolidando grazie alla diffusione delle lettere di credito. E Milano è nel pieno del suo rinascimento sotto la guida di Ludovico il Moro.
A chi si avventura nei cortili del Castello o lungo i Navigli capita di incontrare un uomo sulla quarantina, dalle lunghe vesti rosa, l’aria mite di chi è immerso nei propri pensieri. Vive nei locali attigui alla sua bottega con la madre e un giovinetto amatissimo ma dispettoso, non mangia carne, scrive al contrario e fatica a essere pagato da coloro cui offre i suoi servigi. È Leonardo da Vinci: la sua fama già supera le Alpi giungendo fino alla Francia di re Carlo VIII, che ha inviato a Milano due ambasciatori per chiedere aiuto nella guerra contro gli Aragonesi ma affidando loro anche una missione segreta che riguarda proprio lui. Tutti, infatti, sanno che Leonardo ha un taccuino su cui scrive i suoi progetti più arditi – forse addirittura quello di un invincibile automa guerriero – e che conserva sotto la tunica, vicino al cuore.
Ma anche il Moro, spazientito per il ritardo con cui procede il grandioso progetto di statua equestre che gli ha commissionato, ha bisogno di Leonardo: un uomo è stato trovato senza vita in una corte del Castello, sul corpo non appaiono segni di violenza, eppure la sua morte desta gravi sospetti… Bisogna allontanare le ombre della peste e della superstizione, in fretta: e Leonardo non è nelle condizioni di negare aiuto al suo Signore.
A cinquecento anni dalla morte di Leonardo da Vinci, Marco Malvaldi gioca con la lingua, la scienza, la storia, il crimine e gli ridà vita tra le pagine immaginando la sua multiforme intelligenza alle prese con le fragilità e la grandezza dei destini umani. Un romanzo straordinario, ricco di felicità inventiva, di saperi e perfino di ironia, un’indagine sull’uomo che più di ogni altro ha investigato ogni campo della creatività, un viaggio alla scoperta di qual è – oggi come allora – la misura di ognuno di noi.

 

«Questa capacità rende l’uomo simile a Dio:
quella di inventare cose che non esistevano prima,
e dare loro significato. Ogni uomo può dar forma,
nella sua testa, a oggetti che non esistono,
e convincere gli altri che tali oggetti esistono,
o esisteranno.»

 

 

Marco Malvaldi è nato a Pisa dove vive tutt'ora. Dopo la laurea in chimica presso la Scuola Normale Superiore di Pisa, e contemporanei studi di conservatorio, ha provato a fare il cantante lirico, ma ha abbandonato dopo poco per tornare alla professione di chimico. Esordisce nella narrativa nel 2007 con la pubblicazione di La briscola in cinque; accolto con favore da critica e lettori, il romanzo è il primo di una serie di gialli (nota come ciclo del BarLume) di cui fanno parte Il gioco delle tre carte (2008), Il re dei giochi (2010), La carta più alta (2012) e Il telefono senza fili (2014). Nel 2011 sono usciti Scacco alla Torre (un’atipica guida alla scoperta di Pisa) e il giallo storico Odore di chiuso, mentre sono del 2012 Come i fumi confusi e Milioni di milioni e del 2013 Argento vivo. Nel 2014 ha pubblicato la guida enogastronomica letteraria La famiglia Tortilla e, in collaborazione con D. Leporini, il saggio Capra e calcoli. L'eterna lotta tra gli algoritmi e il caos e ha scritto uno dei racconti contenuti nel volume Vacanze in giallo, mentre sono del 2015 il testo Leonardo e la marea, realizzato in collaborazione con S. Bruzzone, il thriller La tombola dei troiai, il saggio Le regole del gioco. Storie di sport e altre scienze inesatte, il romanzo Buchi nella sabbia e uno dei racconti contenuti nel volume Turisti in giallo. Dal 2015 collabora con il Domenicale de Il Sole 24 ore. Tra i suoi lavori più recenti vanno segnalati, tutti pubblicati nel 2016, il romanzo La battaglia navale, il saggio L'infinito tra parentesi. Storia sentimentale della scienza da Omero a Borges, la raccolta di racconti Sei casi al BarLume e uno dei racconti dell'antologia Il calcio in giallo; nel 2017, Le due teste del tiranno. Metodi matematici per la libertà, Negli occhi di chi guarda, L'architetto dell'invisibile ovvero come pensa un chimico e uno dei racconti dell'antologia Un anno in giallo; nel 2018, i romanzi A bocce ferme e La misura dell'uomo e il saggio sull'umorismo Per ridere aggiungere acqua. Nel luglio 2013 vince il Premio letterario La Tore Isola d'Elba.
 
Duo Tientalora
Alessandra Vianello e Gianni Cuzzolin, entrambi diplomati in chitarra ed insegnanti di strumento, sono una coppia sia nella musica (suonano in duo dal 2007) che nella vita. Dal 2014 studiano la prassi esecutiva e il repertorio rinascimentale- barocco sotto la guida del M° Massimo Lonardi nell’ambito del Laboratorio di Musica Antica della Fondazione Musicale Santa Cecilia. In questi anni numerose sono state le collaborazioni e gli eventi a cui hanno partecipato (Festival Internazionale di Musica di Portogruaro, Festival dell’Acqua a Battaglia Terme, Rassegna “I luoghi dello Spirito” a Treviso, stagione musicale della Fondazione Benetton a Treviso , Matinèe Musicali a Conegliano, Premio Letterario “Latisana per il Nord-est”, etc.) in formazione di duo, trio e quartetto con un repertorio che include composizioni strumentali e vocali dal primo ‘500 al primo ‘600.