Articoli

ensemble serenissima

FVG INTERNATIONAL MUSIC MEETING

Sacile Estate Musicale

 

XXIII Edizione - 2019

 
 

 

 
 

LE MASTERCLASS E I SEMINARI

Dal 15 luglio al 6 agosto si svolgeranno a Sacile le Masterclass e i seminari di Sacile Estate Musicale.

 

CANTO LIRICO Francesca Scaini 17.07 / 22.07
PIANOFORTE, PF A 4 MANI E MUSICA DA CAMERA Stefania Redaelli 21.07 / 29.07
FORTEPIANO, PIANOFORTE Alessandro Commellato 15.07 / 21.07
VIOLINO, MUSICA DA CAMERA Luca Braga 18.07 / 27.07
VIOLINO MASTER JUNIOR regolamento a questo link
Luca Braga
18.07 / 21.07
VIOLINO Emmanuele Baldini 16.07 / 20.07
VIOLA, VIOLINO, MUSICA DA CAMERA Davide Zaltron 23.07 / 31.07
VIOLONCELLO, MUSICA DA CAMERA Luca Simoncini 17.07 / 25.07
VIOLONCELLO Ulrike Hofmann 30.07 / 04.08
CONTRABBASSO, MUSICA DA CAMERA Gergely Jàrdànyi 22.07 / 28.07
FLAUTO, MUSICA DA CAMERA Nicola Guidetti 16.07 / 23.07
OBOE IN FORMAZIONE CAMERISTICA Pietro Milella 22.07 / 26.07
CORNO Andrea Leasi 16.07 / 21.07
CLARINETTO Domenico Sossai 22.07 / 26.07
CONTROFAGOTTO, FAGOTTO, MUSICA DA CAMERA Sergio Lazzeri 22.07 / 26.07
FISARMONICA Giannino Fassetta 30.07 / 06.08
CHITARRA CLASSICA, MUSICA DA CAMERA Stefano Viola 23.07 / 30-07
INTRODUZIONE AL JAZZ Paolo Birro 16.07 / 18.07
MUSICA D'INSIEME JAZZ Paolo Birro 16.07 / 18.07
ORCHESTRA Mario Zanette 22.07 / 26.0
 
I docenti di canto lirico, violino, viola, violoncello, contrabbasso, flauto, oboe, clarinetto saranno coadiuvati dagli accompagnatori pianistici (M.i Marco Colombaro, Federico Costa, Davide Furlanetto, Lisa Nodari, Umberto Ruboni, Bruno Volpato, Francesco Zorzini)

 

 

 

CURRICULA DOCENTI

FRANCESCA SCAINI, (Canto lirico) Dopo la maturità classica, si iscrive al Conservatorio B.Marcello di Venezia diplomandosi con il massimo dei voti, come migliore allieva riceve la medaglia d'argento del Presidente della Repubblica. Si perfeziona all'Accademia della Voce di Torino, frequentando masterclass con V.Zeani, F.Corelli, A.Krauss, R.Kabaiwanska; frequenta inoltre la Renata Scotto Opera Academy. Nel 1999 viene scelta dalla celebre mezzosoprano Brigitte Fasbaender come Desdemona nell’allestimento dell’Otello di Verdi. Nel 2000 sempre Desdemona a Montepellier, con la regia di Del Monaco. Nel 2001 vince per la categoria soprani il Premio Maria Callas, nuove voci per Verdi. Per 5 anni è stata la Prima Donna della Staatsoper di Hannover, debuttando nei ruoli di Aida, Donna Anna, Fiordiligi, Amelia (Ballo in Maschera), Leonora (Trovatore), Jenufa, Adriana Lecouvreur, Tosca. Altri ruoli in repertorio: Anna Bolena, Elisabetta del Don Carlo, Butterfly, la Gioconda Elvira (Ernani). Si è esibita nei maggiori teatri e sale da concerto europei e non, fra i quali l'Opera di Parigi, La Fenice a Venezia, a Città del Messico al Teatro Bellas Artes e con l’orchestra Filarmonica Messicana. Da ricordare la Tosca andata in scena nella stagione 2009-10 a Trento, Pisa e Rovigo: un’appassionata e coraggiosa interpretazione come Floria con la dinamica regia di D.Gentili e la direzione di V.Galli, inoltre una produzione dell’Attila di G.Verdi nei luoghi del libretto, davanti al sagrato della basilica di Aquileia. Svolge intensa attività concertistica soprattutto cantando nel mondo la Messa da Requiem di Verdi, solo per citare alcune delle occasioni: Odensee (Danimarca), Brno, Kiev. Attiva da sempre anche nel campo della musica contemporanea ricordiamo: per il Teatro La Fenice nel ciclo Sonopolis come protagonista dell’opera jO pal di Hans Jochenn Hespos, che ha vinto il premio come migliore produzione contemporanea tedesca del 2005, regia di A.Viebrock, direttore J.Harneit. Il contatto con grandi registi del panorama internazionale (Ally, Del Monaco, Bieto, Decker, Viebrock, De Monticelli) hanno stimolato un suo particolare interesse per il rapporto suono-movimento sia come interprete che a livello didattico: è stata invitata a tenere delle lezioni presso la Facoltà di canto all'Università di Città del Messico, appassionata didatta tiene regolarmente masterclass di canto e di arte scenica.

Specifiche: La masterclass vuole ad approfondire il rapporto tra la parola e il canto, evidenziando anche le reciproche influenze e problematiche esecutive, in relazione alle caratteristiche specifiche di un brano vocale costituito da un’aria con recitativo di vari periodi storici a scelta dei partecipanti. Nella masterclass sarà evidenziata la necessità di rendere l’eloquio intelligibile  ed espressivo  in  relazione  alle  diverse  tecniche  di  espressione  vocale, approfondendo il recitativo, le agilità, ed il canto legato. Verranno approfonditi i rapporti tra la parola ed i segni dinamici, agogici ed espressivi usati nel linguaggio musicale, cercando di metterli in relazione con il significato del testo, anche da un punto di vista drammaturgico. Sarà affrontata anche la tecnica di base del canto (suggerimenti per capire il corpo come strumento musicale)

 

STEFANIA REDAELLI, (Pianoforte) Diplomata con il massimo dei voti presso il Conservatorio di Milano sotto la guida di Ernesto Esposito, ha studiato anche con Bruno Canino, Murray Perahia, Paolo Borciani (Quartetto Italiano),Dario De Rosa e Norbert Brainin (Quartetto Amadeus). Assistente ai corsi di Salvatore Accardo, Rocco Filippini, Franco Gulli, Yo-Yo Ma, Victor Tretiakov, Lucas Hagen, Asier Polo e Boris Belkin ( accademia Chigiana, fondazione Stauffer Cremona, Garda Lake Music Festival...). Docente di musica da camera al Conservatorio di Vicenza e docente di pianoforte presso l'Accademia di Alto Perfezionamento di Sacile. Ha inciso per Warner, Warner-Fonit Cetra, Dynamic, Brilliant, Stradivarius, Ricordi e Bottega Discantica, in quest'ultimo cd anche in veste di direttore. Come solista si è esibita con le orchestre della RAI di Milano, dei Pomeriggi Musicali e dell'Angelicum di Milano, con l'Orchestra Sinfonica di San Remo e l'Orchestra da Camera di Padova. Ha suonato con musicisti di fama internazionale tra i quali Salvatore Accardo, Mario Brunello, Massimo Quarta, Sergej Krilov, Lucas Hagen, Cecilia Bartoli, Bruno Giuranna, Domenico Nordio, Marco Rizzi, Fabrizio Meloni, Danilo Stagni, Edoardo Zosi, Antony Pay, Rocco Filippini, Alain Meunier, Victor Tretiakov, Sonig Tchakerian, in prestigiosi teatri ed Associazioni come il Teatro alla Scala di Milano, Schauspielhaus di Berlino, il Teatro San Carlo di Napoli, il Regio di Parma, il Ponchielli di Cremona, il Bibiena di Mantova, Il Festival di Stresa, Unione Musicale di Torino, Serate Musicali di Milano, la Biennale di Venezia, Festival MITO, I Concerti di Radio3 (Concerti al Quirinale, Radio3 Suite), alla IUC di Roma, l'Accademia Chigiana di Siena, Wigmore Hall di Londra, Boston Symphony Hall, il Museo Glinka di Mosca, Cemat Resit di Istanbul, l'Università di Singapore..... Suona in duo pianistico con Maria Grazia Bellocchio dal 1980.

Specifiche: La masterclass si rivolge ai giovani musicisti. Sono invitati studenti dei conservatori di livello medio e avanzato, gruppi cameristici già formati, diplomati o laureati che mirano ad approfondire le proprie conoscenze ed eventualmente prepararsi per proseguire i loro studi post -diploma. Gli allievi potranno approfondire lo studio di composizioni solistiche e cameristiche, arricchire il proprio repertorio, confrontarsi con i problemi d’interpretazione e salvaguardia dello stile delle epoche musicali, appoggiandosi sulla ricerca dei mezzi tecnici appropriati per esprimersi al meglio. Il corso ha lo scopo di approfondire anche le conoscenze tecnico-espressive dello strumento.

 

ALESSANDRO COMMELLATO, (Pianoforte/Fortepiano) Ha studiato a Milano con Carlo Vidusso e si è perfezionato con Pier Narciso Masi, Evgeny Malinin, Nikita Magaloff e Sergio Fiorentino. E' vincitore del Concorso Rendano di Roma, Città di Stresa, Cidad de Oporto, Schubert di Dortmund. Si è esibito come solista con l'Orchestra del Teatro alla Scala di Milano, del Teatro la Fenice di Venezia, Filarmonica di Praga, Filarmonica Accademica di San Pietroburgo, Filarmonica di Omsk, Filarmonica di Odessa, Orchestra Nazionale Moldava, Orchestra della Radio di Zagabria, Filarmonica di Bacau, Premiere Orchestra di Krasnodar, “Solamente Naturali” di Bratislava, Orchestra Verdi di Milano, Orchestra Sinfonica Toscanini di Parma, Milano Classica, etc. Con Divertimento Ensemble e Virtuosi Virtuali ha eseguito opere contemporanee di Nono, Kagel, De Pablo, Bussotti, Donatoni, Guarnieri, al Mozarteum di Salisburgo, Auditorium Nacional di Madrid, Musica nel nostro Tempo di Milano, Autunno Musicale di Como, Biennale di Venezia, Amici della musica di Palermo, etc. Ha effettuato tournees in Usa, Russia, Giappone e Australia. E’ stato invitato dal Teatro alla Scala per la creazione di “Cherì” (F. Poulenc- R.Petit), “Autour de Chopin” (Varsavia, Teatro Nazionale Wielky), "Coro di Morti" di Petrassi. Al Teatro La Fenice di Venezia è stato solista in Medea di Adriano Guarnieri. Come camerista ha suonato a fianco di Siegfrid Palm, Hans Deinzer, Franco Maggio Ormezowski, Sergio Azzolini, Simone Bernardini, Philip Walter, Roger Van Spendonk, Atalanta Fugiens, "Le Musiche Ensemble" di Berlino e molti altri. Si dedica all'interpretazione su strumenti storici ed è stato invitato ai Festivals di Bremen, Lausanne, Lugano, Verbier, Innsbruck, Aix en Provence, Mulhouse, Bratislava, Lockenhaus, Helsinki, Urbino. Ha inciso per Ricordi, Amadeus: Pèchés de Veillesse di Rossini, Brilliant Classics: Settimini e Concerti di J.N.Hummel, Sonate di F. Ries, integrale delle variazioni di Beethoven WoO. Ha registrato per la Rai: “Kennst du das Land”, “Alma Brasileira” dedicato a H. Villa Lobos, "Mozart e Rossini". Collabora con S. Accardo, B. Giuranna e R. Filippini all'Accademia Stauffer di Cremona. E' docente di pianoforte al Conservatorio "Guido Cantelli" di Novara.

Specifiche: La masterclass si rivolge a studenti dei conservatori di livello medio e avanzato, gruppi cameristici già formati, diplomati o laureati che mirano ad approfondire le proprie conoscenze. Gli allievi potranno approfondire lo studio di composizioni solistiche e cameristiche, arricchire il proprio repertorio, confrontarsi con i problemi d’interpretazione e salvaguardia dello stile delle epoche musicali, appoggiandosi sulla ricerca dei mezzi tecnici appropriati per esprimersi al meglio. Il corso ha lo scopo di approfondire il repertorio pianistico e l’analisi tecnico-espressiva dell’interpretazione verrà trattata in particolare la tecnica del suono anche in relazione al corretto utilizzo dei mezzi preposti alla sua produzione, anche con l’utilizzo di strumenti d’epoca. Le lezioni si svolgeranno su pianoforte Steinway grancoda, affiancato da fortepiano J.Broadwood del 1825 e Pleyel del 1849. Il repertorio pianistico classico e romantico verrà affrontato alla luce delle fonti e della prassi sugli strumenti dell'epoca. I concerti per piano e orchestra verranno eseguiti in versione kammerkonzert con la collaborazione degli archi dell'orchestra Ensemble Serenissima. Gli studenti effettivi saranno coinvolti in concerti pubblici durante e dopo la masterclass.

 

LUCA BRAGA, (Violino) Ha studiato violino presso il Conservatorio G.Verdi di Milano diplomandosi con U.Oliveti nel 1985. Si è perfezionato con F.Cusano e successivamente con Z.Gilels, A.Brussilowski, M.Jokanovich frequentando corsi, seminari o masterclass e ottenendo sempre borse di studio e di merito.Per la musica da camera si è perfezionato con M.Sirbu per il repertorio sonatistico e con F.Rossi per il quartetto d'archi, sempre premiato con borse di studio o riconoscimenti di merito. Ha vinto numerosi premi e riconoscimenti in concorsi nazionali ed internazionali per formazioni cameristiche. Nel 1994 ha vinto il concorso nazionale a cattedre nei conservatori di musica per gli insegnamenti di violino e musica da camera. Attualmente è titolare della cattedra di musica da camera presso il Conservatorio di musica G.Verdi di Milano. E' stato ospite di prestigiose associazioni concertistiche come solista o in formazioni cameristiche in Italia, Austria, Svizzera, Francia,  Spagna, Gran Bretagna, Repubblica Ceca, Germania, Lussemburgo, Polonia, Portogallo, Svezia, Finlandia, Africa, Sud America, Cina e Giappone. In duo con Lucia Pittau si è esibito in  molte stagioni concertistiche in Italia e all’estero, registrando  l’opera integrale di G.Martucci e G.Sgambati per violino e pianoforte (ed. Tactus), disco accolto con lusinghiere critiche su riviste specializzate (quattro stelle Musica-luglio 2006) ed altre numerose registrazioni discografiche o radiofoniche. Ha collaborato come violino di spalla con importanti orchestre italiane. Dal 2000 è membro dell’Orchestra da Camera di Mantova, gruppo con il quale ha talvolta ricoperto il ruolo di prima parte. E’ primo violino del quartetto dell’Orchestra da camera di Mantova con il quale svolge intensa attività cameristica e regolare attività concertistica in Italia e all’estero. Recente la tournée in Cina 2012.Nel 2002 stato invitato da Enrico Dindo a far parte dei Solisti di Pavia formazione con cui collabora tutt’ora regolarmente anche come solista, violino di spalla o come prima parte.L’intensa attività cameristica con diverse realtà musicali italiane lo ha visto collaborare con E.Dindo, D.Rossi, L.Ranieri, M.Rogliano, A.Bocini, G.P.Pretto, G.Cassone, P.Bordoni, S.Redaelli. Ha insegnato nei Conservatori di Cagliari, Trento, Sassari  e Vicenza, oltre che presso vari Corsi di Formazione Professionale per Orchestra (Budrio, Imola, Domodossola). E' spesso invitato a far parte della giuria in Concorsi Nazionali di esecuzione musicale per giovani musicisti.

Specifiche: La masterclass si rivolge ai giovani musicisti. Sono invitati studenti dei conservatori di livello iniziale, medio e avanzato, diplomati o laureati che mirano ad approfondire le proprie conoscenze. Gli allievi potranno approfondire lo studio di composizioni solistiche e cameristiche, nonché lavorare i passi orchestrali specifici del proprio strumento. Saranno approfondite anche analisi, modalità di studio e apprendimento del repertorio per violino.

Junior Masterclass: Originale iniziativa ludico-didattica dedicata ai bambini dai 6 anni in su o ragazzi principianti. La Junior Masterclass è nata con lo scopo di insegnare ai giovanissimi la bellezza dell’aggregazione, della condivisione, di lavorare ad uno stesso obiettivo, di fidarsi uno dell’altro, il tutto in maniera divertente e costruttiva. Sotto la guida paziente ed esperta dell'insegnante, i bimbi sperimenteranno la gioia di approfondire lo studio del proprio strumento con lezioni individuali e collettive e di suonare con gli altri avvicinandosi in allegria all’esperienza della musica d’insieme. I partecipanti alle Junior Masterclass saranno i protagonisti anche di un matinée del Meeting.

 

EMMANUELE BALDINI, (Violino) E’ nato a Trieste (Italia) in una famiglia di musicisti. Dopo aver studiato nella propria città con Bruno Polli, si è perfezionato con Corrado Romano a Biella e a Ginevra (“Virtuosité”), con Ruggiero Ricci a Berlino e Salisburgo e, per la musica da camera, con Franco Rossi e il Trio di Trieste. Vincitore di numerosi primi premi in competizioni internazionali, ha iniziato la sua carriera in seguito alla vittoria del 3 premio “R. Lipizer” di Gorizia, e al 1 premio con menzione d’onore “Virtuosité”, a Ginevra. In duo con suo padre Lorenzo, ha suonato in tutta Europa, in Sudamerica e in Australia. Dopo vari anni dedicati prevalentemente alla musica da camera, si é rivolto con entusiasmo alla carriera solistica, suonando i principali concerti del repertorio violinistico con importanti orchestre: Wiener Kammerorchester (Mozart), Suisse Romande (Schostakovich), Rundfunk Sinfonieorchester Berlin (Schumann), Orch. di Trieste (Dvorak e Mozart), Orchestra Sinfonica dello Stato di São Paulo (Casella, Beethoven, Schumann), Flanders Youth Symph. Orchestra (Bruch), Orchestra da camera di Mantova (Mozart), Interpreti Veneziani. In complessi da camera o come solista ha giá suonato nelle principali sale del mondo. Piú recentemente, in Brasile dove risiede, ha una carriera regolare e intensa come solista con le principali orchestre del Paese (il suo repertorio racchiude circa 20 diversi concerti per violino e grande orchestra, con alcune raritá come Busoni, Casella, Weill, Schnittke…), oltre ad essere invitato regolarmente negli USA (nel marzo 2010 ha debuttato con grande successo a New York in recital con la pianista Simone Leitão). Intensa la sua attivitá discografica: oltre ad avere inciso piú di dieci CD, sono in procinto di essere pubblicati 2 volumi di Fantasie da opere italiane (ALGOL EDITORA) per violino e piano, un CD con Sonate per violino e piano di Camargo Guarnieri (con la pianista Dana Radu) e in 3 cofanetti doppi, le grandi serie di concerti di Vivaldi: i 12 Concerti dell’op. 3 (“L’Estro Armonico”), i 12 Concerti dell’ op. 4 (“La Stravaganza”) e i 12 Concerti dell’ op. 8 (“Il Cimento dell’armonia e dell’invenzione”). Fondatore del QUARTETO OSESP, con questo gruppo negli ultimi tre anni ha collaborato com artisti come R. Castro, A. Cohen, J. Ph. Collard, A. Meneses, C. Pagano, L. Zilberstein e altri, registrando anche un CD di prossima uscita com i Quintetti di Schumann e Dvorak, com il pianista Ricardo Castro. E’ stato spalla a Bologna (Orchestra del Teatro Comunale), Trieste (Orchestra del Teatro “G. Verdi”), La Coruña (Orchestra Sinfonica da Galicia), e dal 2005 é spalla dell’Orchestra Sinfonica dello Stato di São Paulo, in Brasile.

Specifiche: La masterclass si rivolge ai giovani musicisti. Sono invitati studenti di livello medio e avanzato, diplomati. Gli allievi potranno approfondire lo studio di composizioni solistiche, arricchire il proprio repertorio, confrontarsi con i problemi d’interpretazione, appoggiandosi sulla ricerca dei mezzi tecnici appropriati per esprimersi al meglio. Il corso prevede anche analisi, modalità di studio e apprendimento del repertorio per violino.

 

DAVIDE ZALTRON, (Viola)  è un docente di viola fra i più attivi: la sua classe in Conservatorio risulta da molti anni la più cospicua in Italia, con diplomati che negli ultimi vent’anni hanno vinto gran parte dei concorsi e audizioni a posti d’orchestra. Si è diplomato in violino con Sonig Tchakerian e in viola con Bruno Giuranna (per molti anni all’Accademia Stauffer) e Armando Burattin. Oltre a lezioni con Accardo, Brunello, Carmignola, Filippini e Gulli, ha frequentato corsi di musica da camera con Asciolla, Borciani, F.Rossi e con il Trio di Trieste (diploma triennale). Solista e soprattutto camerista in 23 Paesi (Musikverein di Vienna, Philarmonie di Berlino, Lincoln Centre di New York, Gewandhaus di Lipsia, Erkulessaal e Prinzregentheather di Monaco, Teatro degli Champ-Elysées di Parigi, Festivals di: Lucerna, di Verbier, dello Schleswig-Holstein, di Ambronay e “Menuhin”di Gstaad; Salle Garnier e Grimaldi Forum di Montecarlo, Coliseum di Buenos Aires, Fondazione Gulbenkian di Lisbona, Università della Florida, Sala Mozart di Strasburgo, e a Salisburgo, Gerusalemme, Tokio, Pechino, Shangai, Hong Kong, Santiago, Hanoi, Ankara, Rabat, San Paolo…). Prima viola con più di 50 orchestre: Orchestra da Camera Italiana di Accardo, Orchestra da Camera di Mantova, Orchestra d’Archi Italiana di Brunello, Solisti di Pavia di Dindo, Virtuosi Italiani, RAI di Milano, La Fenice di Venezia, San Carlo di Napoli, Haydn di Bolzano, Orchestra da Camera di Padova, Sinfonica di Sanremo, Lirico di Cagliari… Ha suonato musica da camera con Bacchetti, Brunello, Canino, Clevenger, Dindo, Kuijken, Nordio, Patyra, Piovano, Polverelli, Rabaglia, Redaelli, Rogliano, D.Rossi, Sollima, Trio Italiano, Vernikov… Nell’ambito dell’esecuzione filologica ha suonato come prima viola con i Barocchisti di Lugano, l’Academia Montis Regalis, il Complesso Barocco, l’Orchestra Barocca di Bologna, l’Arte dell’Arco… (collaborando con Hogwood, Fasolis, Curtis, Radulescu, Goodman, Alessandrini, De Marchi, Bartoli, Beyer, Onofri, F.Guglielmo, Puxeddu, Jaroussky…). Ha registrato cd e dvd per Decca, Warner Classic, EMI, RCA Records, Fonit Cetra, Naxos, Brilliant, Amadeus, Bottega Discantica, Foné, Paragon, Velut Luna… Fra gli impegni più recenti: ha suonato (anche in Prima Esecuzione) il Concerto per viola e la Concertante per viola e violoncello (con Julius Berger) di Giovanni Bonato, ha registrato e partecipato come prima viola al Tour europeo di “Mission” con Cecilia Bartoli, ha registrato numerosi Quintetti di Boccherini con Luigi Puxeddu (Boccherini Edition) e l’Estro Armonico di Vivaldi con L’Arte del’Arco di Federico Guglielmo (Vivaldi Edition); ha suonato (prima viola) il Terzo e il Sesto Brandeburghese con Sonig Tchakerian e Giovanni Sollima.

Specifiche: Sono invitati studenti dei conservatori di livello medio e avanzato, diplomati o laureati che mirano ad approfondire le proprie conoscenze ed eventualmente prepararsi per proseguire i loro studi post-diploma. Gli allievi potranno approfondire lo studio di composizioni solistiche e cameristiche, arricchire il proprio repertorio, confrontarsi con i problemi d’interpretazione e salvaguardia dello stile delle epoche musicali, appoggiandosi sulla ricerca dei mezzi tecnici appropriati per esprimersi al meglio. 

 

LUCA SIMONCINI, (Violoncello) Si è diplomato col massimo dei voti, la lode e menzione speciale al Conservatorio A.Boito di Parma, sotto la guida del M° F.Rossi del quale ha seguito anche i Corsi di Musica da camera presso il Conservatorio di Firenze. E’ stato invitato a partecipare ad importanti manifestazioni: Musicanalisi a Venezia unitamente al M° Baldovino, I Seminari di primavera di Trieste ed Asolo tenuti dal M° Menuier e C.Zecchi. Si è esibito in diversi Teatri, tra cui La Scala di Milano, in concerti dedicati all’Arte della Fuga di Bach con i Maestri Borciani, Pegreffi e Poggi (cd Nuova Era 6744/45). Ha collaborato come solista, con I Solisti Veneti, i Nuovi Virtuosi di Roma e i Solisti di Mosca in tournees che hanno spaziato dall’Europa al Giappone. Ha collaborato con numerosi artisti: P.N.Masi, B.Lupo, D.Nordio, M.Quarta, M.Rizzi, S.Pagliani, P.Vernikov, C.Giuffredi e A.Pay, D.Rossi, E.Dindo e M.Brunello nonché con il Quartetto Borodin, con il maestro G.Sinopoli, con l’Orchestra Mozart diretta dal M° C.Abbado e con l’attrice L.Maglietta in uno spettacolo di successo dedicato al compositore R.Schumann. Dal 1980 è docente di violoncello presso il conservatorio F.Venezze di Rovigo. E’ invitato come membro di Commissioni giudicatrici di Concorsi Nazionali e Internazionali di Musica da Camera e Violoncello. Suona su uno strumento del 1737 di Gregorio Antoniazzi appartenuto a Gaspar Cassadò. Dalla fondazione è violoncellista del Nuovo Quartetto Italiano, con il quale si è esibito in tutta Europa, Giappone, Stati Uniti, Unione Sovietica, meritando ampi riconoscimenti. Il Nuovo Quartetto Italiano collabora stabilmente con il tenore J.Carreras. Per le incisioni discografiche ha ricevuto i più alti riconoscimenti della critica specializzata: Stella d’oro, Diapason d’or, Choc du Monde de la Musique, Prestige, Gran Prix du Disque con Claves, Emi, Adda, Nuova Era. Nell’ottobre 2009 per l’etichetta La Bottega Discantica ha registrato l’opera integrale per violoncello e pianoforte di F.Mendelssohn con il pianista A.Carcano.

Specifiche: La masterclass si rivolge ai giovani musicisti. Sono invitati studenti dei conservatori di livello medio e avanzato, diplomati o laureati che mirano ad approfondire le proprie conoscenze ed eventualmente prepararsi per proseguire i loro studi post-diploma. Gli allievi potranno approfondire lo studio di composizioni solistiche e cameristiche, arricchire il proprio repertorio, confrontarsi con i problemi d’interpretazione approfondendo le conoscenze tecnico-espressive dello strumento.

 

ULRIKE HOFMANN, (Violoncello) Ha completato la sua formazione musicale alla Scuola Superiore della Musica di Berlino con il prof. Markus Nyikos, ottenendo il diploma Solistico con menzione di merito. Come membro della Accademia Karajan ha iniziato a collaborare con l’Orchestra della Filarmonica di Berlino Vincitrice del concorso “Deutsche Musikwettbeverb”, è stata selezionata per partecipare alla rassegna “Konzerte Junger Künstler”, grazie alla quale inizia la sua carriera solistica. Successivamente è stata premiata ai concorsi Internazionale di Marktneukirchen, “Domenico Gabrielli” di Berlino e “Domnick Violoncello Preis” di Stoccarda. Attualmente fa parte dell’ orchestra Sinfonica della Radio di Stoccarda e collabora regolarmente con la “Chamber Orchester of Europe” e l’ Ensemble Oriol di Berlino. Dal 2000 è membro del Quartetto “Le Musiche” di Berlino con il quale svolge intensa attività concertistica, produzioni radio, discografiche e Masterclass. Come solista e camerista tiene concerti in Europa, Giappone, Stati Uniti, Medio Oriente e partecipa ad importanti rassegne musicali come il Rheingau Festival, il Festival Mitteleuropa e il Festival di Pasqua di Salisburgo. Nell’ambito dei corsi dell’accademia Carl-Flesch- Akademie di Baden-Baden, le è stato riconosciuto il Lions-preis, grazie al quale ha registrato il suo primo CD per Violoncello e Orchestra con musiche di Dvorak e M. Bruch.

Specifiche: La masterclass si rivolge ai giovani musicisti. Sono invitati studenti dei conservatori di livello iniziale, medio e avanzato, diplomati o laureati che mirano ad approfondire le proprie conoscenze ed eventualmente prepararsi per proseguire i loro studi post-diploma. Gli allievi potranno approfondire lo studio di composizioni solistiche e cameristiche, approfondendo le conoscenze tecnico-espressive dello strumento.Saranno approfondite anche analisi, modalità di studio e apprendimento del repertorio per violoncello.

 

GERGELY JÁRDÁNYI, (Contrabbasso) È fra i contrabbassisti più quotati a livello mondiale (Cd Classics, ottobre 2001, n° 12), nasce a Budapest in una famiglia di musicisti. Dopo gli studi all'Accademia di Musica Ferenc Liszt di Budapest Járdányi si iscrive nella classe di L.Streicher presso l'Accademia di Musica di Vienna dove nel 1987 ottiene il diploma con il massimo dei voti e la lode. Da allora inizia la carriera internazionale di questo gran maestro del contrabbasso (come viene definito da alcuni critici). Una carriera da solista e collaboratore in vari complessi da camera (Alpe Adria Ensemble, I Virtuosi Ungheresi, UMZE, ecc.) che lo porta in molti centri d'Europa, America ed Asia. Gergely Járdányi fa parte inoltre – in qualità di primo contrabbasso – di diverse orchestre sinfoniche (Orchestra Filarmonia Veneta, Teatro Massimo di Palermo, Orchestra Filarmonica Marchigiana, Orchestra dell’Arena di Verona, Orchestra del Teatro Olimpico di Vicenza ecc.). È membro di giuria in concorsi internazionali, tiene corsi di perfezionamento. Per vent’anni professore di ruolo all'Accademia di Musica Ferenc Liszt, Járdányi attualmente insegna presso il Conservatorio di Vicenza. I suoi allievi sono vincitori di diversi premi di concorsi nazionali ed internazionali e suonano nelle migliori orchestre europée (Wiener Philharmoniker, Deutsche Oper Berlin, Mahler Jugendorchester, Festival Orchestra, National Philharmonie Orchestra di Budapest ecc.). Il suo impegno a favore di Bottesini trova la massima evidenza nei progetti più recenti: la registrazione di tutte le musiche del maestro ottocentesco in sei cd per la casa discografica Hungaroton e la pubblicazione di tutte le opere contrabbassistiche per la casa editrice Akkord (Budapest). Járdányi attualmente sta pubblicando il primo catalogo completo delle composizioni di Bottesini. Nel 2003 gli viene conferito il Premio Liszt, uno dei riconoscimenti statali ungheresi più alti, riservato agli artisti. Nel 2010 consegue il dottorato di ricerca in discipline musicali (DLA) presso l'Accademia di Musica Ferenc Liszt di Budapest.

Specifiche: Il corso si prefigge di affrontare lo studio dello strumento nel repertorio solistico e cameristico con attenzione a tecnica, suono, avvicinando. ad un repertorio spesso poco praticato. Si rivolge ai giovani musicisti. Sono invitati studenti dei conservatori di livello medio e avanzato, diplomati o laureati che mirano ad approfondire le proprie conoscenze ed eventualmente prepararsi per proseguire i loro studi post-diploma.

 

NICOLA GUIDETTI, (Flauto) Ottenuto, con il massimo dei voti e la lode, il diploma  di flauto al Conservatorio G.Frescobaldi di Ferrara, ha conseguito il Diploma d’Onore alla Accademia Chigiana di Siena e, con il massimo dei voti e la lode, il Konzert Diplom e il Solisten Diplom al Conservatorio di Winterthur (CH). Ha ricevuto grandi apprezzamenti per il suo stile e la sua musicalità da C.Klemm, S.Gazzelloni, A.Marion, J.P.Rampal, con i quali si è perfezionato a Winterthur, Siena, Salisburgo, Parigi. Come solista e in varie formazioni cameristiche ha effettuato tournées in più di 20 paesi in Europa, Nord Africa e America Latina, registrando per numerose emittenti televisive e radiofoniche e tenendo concerti in sale prestigiose quali: Accademia Chigiana di Siena, Sala dei Giganti (Padova), Palazzo Pitti (Firenze), Museo del Mare (Rijeka), Mozarteum (Salisburgo), Eglise St. Merri (Parigi), Théâtre St. Michel (Bruxelles), Stadthaus (Winterthur), Musikhalle (Amburgo), Museo Chopin (Varsavia), Palacio National de Queluz (Lisbona), Musikhuset (Arhus), Festival della Colonia Tovar (Caracas), Museo de Arte Italiano (Lima), St.Ann’s Church (Dublino), University College (Cork). Primo flauto dell’Orchestra Città di Ferrara ha collaborato con diverse Orchestre (Chamber Orchestra of Europe , Orchestra de I Virtuosi Italiani, Orchestra de I Filarmonici di Bologna,  Orchestra Internazionale d’Italia) sotto la direzione di C.Abbado, S.Accardo, D.Renzetti, E.Florio, Lü Jia, D.Boyd, Y.David, A.Vedernikov, J.B.Pommier… Ha registrato numerosi CD per Ricordi, Dynamic, Tactus, Bottega Discantica, Aura, Bongiovanni, Fabula Classica, riscoprendo e presentando in prima registrazione mondiale opere di G.B.Martini, L.Boccherini, G.M.Cambini, F.Carulli, A.Diabelli, B.Campagnoli, A.T.Berbiguier. E’ titolare della cattedra di flauto presso il Conservatorio Antonio Buzzolla di Adria (RO) e dei corsi annuali di alto perfezionamento presso l’Accademia Musicale di Sacile (PN).

Specifiche: Il corso verte sullo studio del repertorio solistico, cameristico e orchestrale. Durante le lezioni verranno affrontati brani sia dal punto di vista tecnico, anche con lezioni di tecnica collettiva, sia dal punto di vista espressivo-stilistico. Si rivolge ai giovani musicisti. Sono invitati studenti dei conservatori di livello medio e avanzato, diplomati o laureati che mirano ad approfondire le proprie conoscenze ed eventualmente prepararsi per proseguire i loro studi post-diploma.

 

PIETRO MILELLA, (Oboe in formazione cameristica) Nato a Bari, si è diplomato in oboe al Conservatorio di musica “N.Piccinni” di Bari proseguendo poi gli studi musicali presso la Scuola di Musica di Fiesole con Pietro Borgonovo e il Musikschule Konservatorium di Berna con C.H.Elhorst. Ha svolto attività professionale stabile presso diverse Orchestre sinfoniche con tournée in Europa, Cina, Australia esibendosi anche come solista. La registrazione di brani originali per fiati e l’interesse della critica musicale gli hanno consentito di partecipare ad importanti festivals: Donaueschingen  Musiktage Munster, Gasteig di Monaco di Baviera, Concert Music Hall della Filarmonia di Berlino (Germania), Saalfeden, Helmut List Halle di Graz (Austria), Paris Festival de La Villette, Festival Sant Denise, Sablè, Le Mans, Opera of Lille Theatre (Francia),  Camerata Musicale Barese (Bari) Festival Talos di Ruvo di Puglia (BA).  Ha registrato per la Sudwestfunk Tedesca, l'ENJA, Bongiovanni e la RAI. Le sue interpretazioni sono sempre state molto apprezzate per l’originalità e il virtuosismo strumentale, in duo con il pianoforte, trio di fiati, quintetto di fiati,quintetto di fiati con pianoforte e orchestre da camera. Inoltre si è specializzato nella preparazione (teorica e pratica) di ensemble di fiati e sezione fiati dell'orchestra dirigendo con successo vari progetti. Insegna oboe presso i Conservatori statali italiani dopo aver superato il concorso per titoli ed esami del 1990, attualmente è docente di oboe presso il Conservatorio di musica "Giuseppe Tartini" a Trieste.

Specifiche: Sono invitati studenti dei conservatori di livello medio e avanzato, gruppi cameristici già formati, diplomati o laureati che mirano ad approfondire le proprie conoscenze approfondendo lo studio di composizioni cameristiche e passi orchestrali specifici del proprio strumento, confrontandosi con i problemi d’interpretazione e salvaguardia dello stile delle epoche musicali, appoggiandosi sulla ricerca dei mezzi tecnici appropriati per esprimersi al meglio.

 

ANDREA LEASI, (Corno) Si diploma in corno presso il Conservatorio di Musica di Brescia nel 1987. Si perfeziona, in seguito, con Guelfo Nalli e Ifor James. Nel 1987 vince l'audizione per l'Orchestra Giovanile Italiana e ne fa parte fino al 1989. Negli stessi anni inizia la collaborazione con l'Orchestra Sinfonica della RAI di Torino e con l'Orchestra da Camera di Mantova, della quale fa parte tuttora come Primo Corno e con la quale partecipa a prestigiosi concerti e tournéesin Italia e all'estero (Francia, Germania, Belgio, Olanda, Danimarca, Austria, Slovenia, Argentina, Brasile, Cile, Uruguay, Venezuela). Lavora con importanti direttori d'orchestra quali Zubin Mehta, Lorin Maazel, Georges Prêtre, Daniel Barenboim, Giuseppe Sinopoli, Antonio Pappano. Nel 1993 vince il concorso per Primo Corno presso l'Orchestra della Fondazione Arena di Verona, ruolo che ricopre tuttora. Come Primo Corno vanta collaborazioni con importanti orchestre e teatri: l'Orchestra Filarmonica della Scala di Milano, il Teatro Carlo Felice di Genova, il Teatro Comunale di Bologna, l'Orchestra Filarmonica Toscanini di Parma, I Solisti Veneti, l'Orchestra da Camera di Padova, I Virtuosi Italiani, l'Orchestra Stabile di Bergamo, l'Orchestra del Festival di Brescia e Bergamo, I Pomeriggi Musicali di Milano, il Teatro Regio di Parma, l'Orchestra Haydn di Bolzano e Trento, l'Orchestra dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia.

Specifiche: Sono invitati studenti dei conservatori di livello medio e avanzato, gruppi cameristici già formati, diplomati o laureati che mirano ad approfondire le proprie conoscenze ed eventualmente prepararsi per proseguire i loro studi post-diploma. Gli allievi potranno approfondire lo studio di composizioni solistiche e cameristiche, nonché lavorare i passi orchestrali specifici del proprio strumento, arricchire il proprio repertorio, confrontarsi con i problemi d’interpretazione e salvaguardia dello stile delle epoche musicali, appoggiandosi sulla ricerca dei mezzi tecnici appropriati per esprimersi al meglio.

 

DOMENICO SOSSAI, (Clarinetto) Ha intrapreso gli studi musicali all’età di sei anni, diplomandosi a sedici anni in Clarinetto presso il Conservatorio di Bologna, poi in Sassofono presso il Conservatorio di Milano. Ha studiato Pianoforte e Composizione con il M° Daniele Zanettovich. Si è perfezionato con musicisti di fama internazionale come V. Mariozzi, A. Pay, G. Garbarino, K. Leister, Romeo Tudorache,  J.Y.Fourmeau e per il Jazz, David Boato, Robert Bonisolo, Dan Kinzelman, Jim Odgren ai corsi di Umbria Jazz, edizione 2010. Tra i Premi : il 2° Premio al Concorso Internazionale di musica da camera di S. Bartolomeo (1990), il 1° Premio assoluto al Concorso Nazionale “Schubert” di musica da camera di Tagliolo Monferrato (1990), il 1° Premio assoluto al Concorso “I Cercatori di Perle”, indetto dalla RAI di Trieste (1991), 3° Premio al Concorso Europeo di Composizione di Barletta in provincia di Bari(1998). Conquistata l’idoneità per l’insegnamento del Clarinetto nei Conservatori, con il Concorso Nazionale per esami nel 1992 ed ora è titolare della cattedra di Clarinetto presso il Conservatorio “Fausto Torrefranca” di Vibo Valentia. Ha ricevuto il Premio “CIVILITAS” di Conegliano edizione 2006, sezione giovani emergenti. Ha inciso per la RAI e per le case discografiche RIVO ALTO, FONIT CETRA, NOTA BENE. Ha pubblicato le sue composizioni per la casa editrice PIZZICATO. Ha progettato, costruito e brevettato il nuovissimo Clarinetto “SISTEMA SOSSAI”, strumento completamente innovativo da vera avanguardia che, ancora immerso nei test, ha gia ricevuto importanti consensi (Modelli PIAVE G20/G21).

Specifiche: La masterclass si rivolge ai giovani musicisti. Sono invitati studenti dei conservatori di livello iniziale, medio e avanzato, diplomati che mirano ad approfondire le proprie conoscenze. Gli allievi potranno affrontare lo studio di composizioni solistiche e cameristiche, nonché lavorare i passi orchestrali specifici del proprio strumento, arricchire il proprio repertorio, confrontarsi con i problemi d’interpretazione e salvaguardia dello stile delle epoche musicali.

 

SERGIO LAZZERI, (Controfagotto e fagotto) Fagottista e controfagottista è nato a Genova nel 1962. Diplomatosi in fagotto con il massimo dei voti nel 1982 presso il Conservatorio “Niccolò Paganini” di Genova, ha iniziato una pluriennale collaborazione con vari gruppi da camera ed orchestre sinfoniche. Nel 1983 è risultato vincitore del Concorso internazionale Città di Stresa e nello stesso anno ha vinto la Rassegna “C. M. Rietmann” di Genova e l’audizione per l’orchestra del Laboratorio Lirico Sperimentale di Alessandria. Nel 1984 è stato finalista al Festival Internazionale del duo strumentale di Forte dei Marmi e nel 1985 ha vinto, in duo con il pianista Giovanni Maria Lori, il primo premio assoluto nella categoria fiati e pianoforte. Nel 1984 ha vinto il concorso per il posto di fagotto co-solista presso il Teatro del Giglio di Lucca nella cui orchestra ha lavorato fino al 1987. Nel 1987 ha collaborato con il Teatro La Fenice di Venezia in qualità di controfagottista e nello stesso anno ha partecipato allo Schleswig Holstein Festival sotto la direzione di Sergiu Celibidache (concerti a Parigi, Milano, Amburgo, Berlino, Basilea). Nel 1988 è risultato vincitore in Francia dei concorsi presso le orchestre Orchestre Symphonique d'Europe e Orchestre de l'Offrande Musicale. Nel 1989 ha vinto in Spagna i concorsi per primo fagotto e controfagotto presso l'Orquesta Filarmonica de Gran Canaria dove ha lavorato fino al 1992. Nel 1991 ha vinto il concorso a cattedre per docenti di Conservatorio in Italia. Nel 1992 è risultato vincitore del concorso per primo fagotto presso l'Orchestre National de Lyon (Francia) e nel 1993 ha vinto il concorso per primo fagotto presso la Israel Chamber Orchestra (Israele). Dal 1994 al 2000 è stato primo fagotto della Cyprus State Orchestra (Cipro). Ha collaborato come solista con l'Orchestra del Teatro del Giglio di Lucca, l'Orquesta Filarmonica de Gran Canaria, la Cyprus State Orchestra, la Filarmonia Skopjie, l'Orchestra Sinfonica Siciliana. Collabora regolarmente come controfagottista con l'Orchestra Filarmonica Marchigiana, l'Orchestra “Haydn” di Trento e Bolzano, l'Orchestra Nazionale della RAI di Torino e I Fiati di Parma. Già docente di fagotto presso il Conservatorio “Licinio Refice” di Frosinone e il Conservatorio “Luigi Cherubini” di Firenze insegna attualmente nel Conservatorio “Giuseppe Tartini” di Trieste.

Specifiche: Sono invitati studenti dei conservatori di livello medio e avanzato, gruppi cameristici già formati, diplomati o laureati che mirano ad approfondire le proprie conoscenze approfondendo lo studio di composizioni solistiche cameristiche e passi orchestrali specifici del proprio strumento, confrontandosi con i problemi d’interpretazione e salvaguardia dello stile delle epoche musicali, appoggiandosi sulla ricerca dei mezzi tecnici appropriati per esprimersi al meglio.

 

GIANNINO FASSETTA, (Fisarmonica) Inizia lo studio della fisarmonica all’età di sei anni con il Maestro Elio Boschello di Venezia, che sottolinea come già giovanissimo si distingua per spontaneità tecnica, facilità interpretativa e fervida musicalità (nella foto a fianco Gianni Fassetta è il sesto da destra in prima fila). Segue i corsi di perfezionamento con i Maestri F. Lips e W. Zubintskj. Classificatosi al primo posto in quindici concorsi nazionali e internazionali, partecipa a registrazioni per Rai TV, reti regionali e straniere. Svolge intensa attività concertistica in Italia e all’estero (Argentina, Austria, Canada, Francia, Germania, Giappone, Pakistan, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera e Ungheria). Di particolare rilievo per la sua consacrazione artistica è la tournée in Argentina, dove si esibisce anche al Teatro Colòn di Buenos Aires in presenza di Laura Escalada Piazzolla, che lo colloca tra i migliori interpreti di Astor Piazzolla, concordando con la critica. Grazie a una riconosciuta versatilità interpretativa, Gianni Fassetta collabora stabilmente con artisti di fama internazionale in varie formazioni: da Kaleiduo a Remo Anzovino Trio, con cui dà vita a un centinaio di applauditi concerti internazionali di grande impatto live.  Con il concerto del 31 luglio 2009 a Forte dei Marmi, comincia a partecipare ai progetti musicali del Maestro Nicola Piovani, premio Oscar per la colonna sonora de “La vita e bella” di Roberto Benigni. Nel 2000 pubblica il CD “Evocazioni” con musiche proprie su testi del poeta Giuseppe Malattia della Vallata (Premio Letterario Internazionale) e nel 2002 il CD “Reflejo”, opera monografica sulla produzione di Astor Piazzolla. Porta inoltre il suo contributo strumentale in svariate produzioni di prestigiosi autori contemporanei ed è oggi impegnato in due  nuove realizzazioni discografiche: una come solista e una per Kaleiduo.  Nel 2000 per la colonna sonora del film “Vajont” di Renzo Martinelli compone due brani per fisarmonica e quartetto d’archi, ora editi dalla casa discografica Sugar Music di Milano. La sua sensibilità e il suo stile sono apprezzati da compositori contemporanei, come il triestino Daniele Zanettovich, che gli hanno dedicato scritture ad hoc per fisarmonica.  Dal 2011 è anche impegnato come direttore artistico del Fadiesis Accordion Festival, organizzato dall’Associazione Musicale”Fadiesis” tra Pordenone e Matera, con crescente consenso di pubblico.

Specifiche: Sono invitati studenti di livello iniziale, medio e avanzato, che mirano ad approfondire le proprie conoscenze approfondendo lo studio di composizioni solistiche e cameristiche, ma anche agli amatori senza finalità scolastiche nell'immediato o ai diplomati con fini di perfezionamento. Saranno approfondite anche analisi, modalità di studio e apprendimento del repertorio per fisarmonica.

 

STEFANO VIOLA, (Chitarra classica) Nato nel 1960 da genitori musicisti riceve i primi insegnamenti proprio dal padre che lo avvia allo studio della chitarra all’età di dodici anni dopo precedenti esperienze con la fisarmonica ed il pianoforte. L’incontro con le sei corde è folgorante e porta, a soli diciotto anni, al diploma di Conservatorio con il massimo dei voti e la lode. Dopo il diploma studia per quattro anni a Milano con Ruggero Chiesa e partecipa come allievo effettivo ai corsi di alto perfezionamento tenuti da Oscar Ghiglia a Gargnano e all’Accademia Musicale Chigiana di Siena. Svolge attività concertistica in Italia e all’estero come solista e in formazioni cameristiche risultando vincitore di prestigiosi concorsi nazionali e internazionali (Trieste,”Nicola Fago” di Taranto, “Fernando Sor” di Roma, “Città di Alessandria”, “Mauro Giuliani” di Bari) nonché finalista al concorso internazionale “Andres Segovia” di Palma de Majorca. Molto intensa e precoce anche l’attività didattica che lo porta ad insegnare nei conservatori statali di musica di Venezia, Trieste, Rovigo, Perugia, Modena, Bologna, Bari, Castelfranco Veneto (TV). È stato fondatore e docente all'Accademia Chitarristica “Francisco Tarrega” di Pordenone. Dal 2006 è titolare della cattedra di chitarra al Conservatorio Statale di Musica “Jacopo Tomadini” di Udine. Sono oltre 150 i premi vinti da suoi studenti nei più importanti concorsi nazionali ed internazionali: tra questi figurano i Primi Premiai Concorsi “Fernando Sor” di Roma, “Pittaluga” di Alessandria”, “Julian Arcas” di Almeria (Spagna), “Francisco Tàrrega”di Benicasim (Spagna),”Castelnuovo-Tedesco” di Parma, “Benvenuto Terzi” di Bergamo, “Enrico Mercatali” di Gorizia, “Rospigliosi” di Lamporecchio, Sernancelhe (Portogallo), “Miguel Llobet” di Barcellona (Spagna) ecc.; questi risultati ne fanno uno degli insegnanti di Conservatorio più autorevoli delle ultime generazioni. È impegnato da vari anni in un approfondimento continuo di tutti gli aspetti tecnico-meccanici e posturali riguardanti il rapporto con lo strumento e in virtù di queste ricerche è invitato a tenere conferenze e Master-Class in vari Festival Chitarristici in Italia, Slovenja, Croazia, Repubblica Ceka, Messico, Austria, Spagna, Polonia e Ukraina. Alcuni suoi scritti sull’argomento sono stati pubblicati dalla autorevole rivista “Il Fronimo” di Milano. Ha elaborato e coordinato, con il sostegno economico della Regione Friuli Venezia Giulia, un importante progetto di ricerca dal titolo “Analisi posturale biomeccanica-funzionale del musicista” che ha visto coinvolti il Conservatorio e l’Università di Udine (Facoltà di Scienze Motorie), progetto che si è concluso con la realizzazione di un DVD che, recentemente, si trova allegato ad un interessante volume sull’argomento dal titolo “Manuale per l’analisi metodologica nella didattica chitarristica di base e guida all’analisi posturale” , pubblicato da “Guitart”. Ha pubblicato per le Edizioni Musicali Sinfonica (distribuzione Carisch) due volumi di Tecnica chitarristica (Le Scale, Le Legature) e collaborato alla revisione di due raccolte di studi di Sor e Giuliani pubblicate dalla stessa casa editrice.

Specifiche: La masterclass si rivolge ai giovani musicisti. Sono invitati studenti dei conservatori di livello medio e avanzato, diplomati o laureati che mirano ad approfondire le proprie conoscenze ed eventualmente prepararsi per proseguire i loro studi post-diploma. Gli allievi potranno approfondire lo studio di composizioni solistiche e cameristiche, arricchire il proprio repertorio. Saranno affrontati anche elementi di tecnica meccanica, prassi esecutive e storia dello strumento 

 

PAOLO BIRRO, (Pianoforte jazz) Nato a Noventa Vicentina nel 1962. Nel 1987 ha conseguito il diploma in pianoforte presso il Conservatorio di Vicenza sotto la guida del maestro Carlo Mazzoli. Nel 2007 ha conseguito il Diploma di II Livello in Jazz presso il Conservatorio di Adria con il massimo dei voti e la lode. Nel 1992 in trio con Sandro Gibellini e Mauro Negri si classifica al primo posto nel Concorso Internazionale di Barga Jazz.Nel 1996 è stato nominato “Miglior Nuovo Talento” nel referendum della critica specializzata indetto dalla rivista Musica Jazz.Ha collaborato in concerti e registrazionicon Lee Konitz, Ruud Brink, Scott Hamilton, Buddy De Franco, Art Farmer, Johnny Griffin, Gianni Basso, Maurizio Gianmarco, Enrico Rava, Gianni Cazzola, Maurizio Caldura, Erwin Vann, Claudio Fasoli, Aldo Romano, Richard Galliano, Mauro Negri, Sandro Gibellini, Pietro Tonolo, Marco Tamburini, Tiziana Ghiglioni, Paolo Fresu, Carlo Boccadoro, Eliot Zigmund,Bobby Watson, Ronnie Cuber, Harry Allen, Tom Kirkpatrick, Charles Davis, Chuck Israels, Eddie Daniels, Sonig Tchakerian, Cristina Zavalloni. Si è esibito in festivals e rassegne fra cui Umbria Jazz, New Conversation (Vicenza-Teatro Olimpico), Toscana Jazz, Progetto Jazz (Cremona), Ancona, Verona, Reggio Emilia, Musicus Concentus (Firenze), Iseo, Clusone, Milano Estate, Riva del Garda, Venezia Suona, Siena Jazz, Ascona Jazz Festival.Ha tenuto concerti in Svizzera, Austria, Germania, Israele, Francia, Spagna, Etiopia,Grecia, Canada e partecipato a varie trasmissioni radiofoniche per Radio3 RAI (Mattino Tre, Jazz Club, Invenzioni a due voci). Ha realizzato a proprio nome numerosi  dischi in piano solo, duo e trio. Ha scritto articoli pubblicati sulla rivista Musica Oggi. E’ autore insieme a R.Sportiello del metodo pubblicato nel 2005 dalle edizioni Ricordi  “Master in Piano Jazz”.Ha insegnato piano jazz, improvvisazione e musica d’insieme i Civici Corsi di Jazz a Milano, i Seminari Senesi di Musica Jazz, il Corso Sperimentale di Jazz del Conservatorio di Bologna, la Siena Jazz University e il Conservatorio di Mantova; dal 2003 è docente presso il Conservatorio di Vicenza.

Specifiche: La realtà musicale contemporanea è sempre meno attraversata da quegli steccati che tenevano separati i generi, gli stili, le scuole e le comunità di musicisti che vi fanno riferimento. Può capitare quindi sempre più frequentemente che anche i musicisti di formazione classica sentano la necessità, sia per arricchire la propria conoscenza che per affrontare con ulteriori abilità la propria professione, di provare a praticare linguaggi diversi da quello abituale. Il Jazz presenta alcune peculiarità (come una certa concezione del ritmo, l’approccio alle fonti e alla notazione, la pratica costante e su vari livelli dell’improvvisazione) che possono utilmente integrare il bagaglio di competenze per qualsiasi tipo di musicista ne sia incuriosito. Questo corso si propone quindi di offrire, nella forma molto sintetica di un primo contatto, degli strumenti di base che portino alla comprensione e alla pratica del linguaggio jazzistico attraverso ascolti guidati, analisi di partiture ma anche sotto forma di esercitazioni d’insieme svolte con l’accompagnamento del docente. 

 

MARIO ZANETTE, (Orchestra) Direttore artistico. Ha intrapreso giovanissimo lo studio del clarinetto diplomandosi brillantemente presso il conservatorio F.E.Dall’Abaco di Verona. Fin da giovanissimo si dedica al repertorio da camera e solistico, tenendo recital per numerose Società di Concerti in Italia e all’estero esibendosi nei più rinomati teatri e sale da concerto in numerose località italiane (Venezia, Firenze, Milano, Catania, Roma, Venezia, Treviso, Pordenone) e Stati esteri quali Stati Uniti (Metropolitan), Canada (Canadian Opera Company), Francia, Svizzera, Austria, Egitto, Svezia e Pakistan. Nel 1976 acquisisce l’idoneità al Concorso bandito dall’orchestra della Rai di Torino e nel 1982 risulta vincitore del Concorso a cattedra per l’insegnamento dell’educazione musicale nelle scuole secondarie di I e II grado e nel 1987 risulta primo nella graduatoria per titoli artistici e didattici nella classe di concorso per l’insegnamento dello strumento musicale nelle scuole a indirizzo musicale. Ha rivestito il ruolo di primo clarinetto in numerose orchestre quali l’Orchestra di Belluno, Filarmonia Veneta e in vari complessi da camera quali Piccola Orchestra di Udine, il Complesso Cameristico Veneto, Orchestra San Marco di Pordenone. E’ componente dal 1983 del Quartetto di clarinetti “Ensemble Serenissima”, con il quale ha ottenuto il primo premio al concorso internazionale di musica da camera "Il Rovere d’oro" di San Bartolomeo al Mare, il primo posto al concorso radiofonico RAI "I Cercatori di Perle" ed ha vinto il "Premio Schubert" per la musica da camera a Tagliolo Monferrato. Oltre a svolgere intensa attività concertistica, accolta ovunque con entusiasmo dalla critica, al gruppo è dedicato il brano “Weberiana” del compositore Roberto Cittadini, eseguita in prima assoluta nel 1991 ed inserita nel CD Clarinet Rapsody inciso dal gruppo nel 1997 e particolarmente apprezzato dalla critica internazionale per la ricerca del suono, l’interpretazione e la qualità esecutiva. Contemporaneamente si è dedicato alla didattica del clarinetto e alla direzione d’orchestra dove si è formato seguendo l’attività di diversi direttori  d’orchestra come maestro collaboratore e di formazioni a fiato con il direttore J.Konjaert. E’ stato direttore stabile della Filarmonica di Maniago e dell’orchestra a fiati regionale del Friuli Venezia Giulia. Ha inoltre collaborato, sempre in qualità di direttore, con l’Orchestra del teatro di Maribor (Slovenia). Da sempre attento alla formazione dei giovani è stato ideatore, promotore e direttore artistico di numerose iniziative a loro dedicate (Estate Giovani, Concorso Nazionale Voci Nuove, Rassegna Concertistica per giovani talenti “I Concerti a Palazzo”, Pomeriggi Musicali) e ha fondato l’Orchestra “ La Serenissima” di Sacile portandola a vincere numerosi e prestigiosi premi in concorsi nazionali e internazionali: dal 1989 al 1992 Concorso Nazionale di Ischia (1° Premio), Concorso Internazionale di Stresa (1° Premio), Concorso Nazionale di Napoli (1° Premio), Concorso Nazionale di Pesaro (Menzione Speciale), Rassegna Nazionale di Catania. Grazie alla sua preparazione professionale, alla passione e al costante impegno  ha saputo portare l’Orchestra ad una notorietà di tipo internazionale con tournée in diversi Stati: nel 1992 in Alsazia e Lorena (Francia), nel 1999, nel 2015 e nel 2016 in Slovenia, nel 2003 a Taiwan, fino ad essere invitata nel 2001 a rappresentare le orchestre giovanili italiane al Festival Internazionale delle Orchestre a Buenos Aires in Argentina suonando in diretta per la televisione nazionale, invito riproposto nel 2015. E’ stato invitato da diversi Istituti e Associazione per tenere conferenze sulla didattica e l’estetica musicale e ha preso parte, in qualità di giurato, a numerosi concorsi nazionali. Ha collaborato e collabora con solisti di fama internazionale fra i quali Mario Brunello, Alessandro Comellato, Maggio Ormezowsky, Luca Simoncini, Emmanuele Baldini… Dal 1989 dirige l’Accademia Musicale di Sacile ed è docente titolare di ruolo di Clarinetto presso la Scuola Media Statale ad Indirizzo Musicale di Sacile. E’ docente nei corsi internazionali di formazione strumentale che si svolgono a Sacile di cui è direttore artistico e organizzativo. Conseguita la laurea magistrale in Scienze dell’educazione ad indirizzo musicologico tiene corsi, seminari, conferenze e docenze per diversi enti ed associazioni oltre che in diverse scuole secondarie di II grado. Ha inoltre curato la parte relativa la Storia della musica in Friuli Venezia Giulia nella collana di volumi dedicati alle arti in regione editi dalla casa editrice Agenzia Libraria di Monfalcone. Dal 2003 è direttore artistico dell’Associazione Pro Sacile curandone la programmazione degli spettacoli. Da oltre trent'anni è presidente della Associazione Culturale Ensemble Serenissima di Sacile, attiva nella promozione, nella diffusione e nella formazione musicale. 

Specifiche: Il laboratorio di musica orchestrale verterà sull’analisi e lo studio di brani originali per orchestra d'archi ed orchestra sinfonica dal barocco al Novecento. Sarà anche occasione per affrontare la musica contemporanea con lo studio del brano vincitore del IV International Composition Prize SEM 2019 e la sua esecuzione in prima assoluta durante il concerto sinfonico del Meeting. Il laboratorio ha carattere prettamente pratico.