Articoli

www.ensembleserenissima.com

Secondo Concerto
VENERDI' 13 APRILE 2018
Palazzo Ragazzoni, Sacile
ore 20.45
 
 
Prima Parte
 
GIULIA TONIOLO (pianoforte)
 
PROGRAMMA 
 
Felix Mendelssohn (1809-1847)
Fantasia op.28
Con moto agitato. Andante. Con moto agitato
Allegro con moto
Presto
 
Frédéric Chopin (1810-1849)
Barcarola op.60
 
Franz Liszt (1811-1886)
Reminiscenze dal Simon Boccanegra di Verdi S. 438
 
*** 
 
Seconda Parte
 

MARY ROSADA (soprano) - STEFANO CASCIOLI (pianoforte)

 
PROGRAMMA 
 
Claude Debussy (1862-1918)
Romance
Les cloches 
 
Jules Massenet (1842-1912)
da "Manon"
Allons!...Adieu, notre petite table 
 
Claude Debussy (1862-1918)
da "Images", I libro
Hommage a Rameau
 
Claude Debussy (1862-1918)
Beau soir 
 
Ottorino Respighi (1879-1936)
La sera 
 
Jules Massenet (1842-1912)
Da "La Vierge"
Rêve infini, divine extase... 
 
Stefano Cascioli (1995)
Ninna nanna
 
 
Giulia Toniolo è nata nel 1996 e ha iniziato lo studio del pianoforte a 6 anni con  la prof.ssa Maddalena De Facci sotto la guida della quale ha condotto tutto l’iter di studi diplomandosi da privatista a 16 anni presso il Conservatorio “A. Buzzolla” di Adria con votazione 10/10 nell’a.a. 2011/2012. Parallelamente agli studi musicali ha frequentato il liceo classico. Nell’a.a. 2016/2017 ha studiato presso l'Accademia di Musica di Pinerolo nella classe dei maestri Enrico Pace e Giovanni Doria Miglietta. Nel corso degli studi Giulia partecipato come allieva effettiva a masterclass di pianoforte tenute dai pianisti Riccardo Risaliti, Giampaolo Nuti, Benedetto Lupo,  Marian Mika, Pasquale Iannone, Luca Rasca, Luca Trabucco e Sabrina Lanzi, Boris Petrushansky, Bruno Canino, Daniel Rivera, Siavusc Gadjiev. Ha partecipato ad alcuni concorsi a categorie nazionali e internazionali ottenendo numerosi riconoscimenti tra cui oltre venti primi premi e primi premi assoluti nei principali concorsi a categorie in Italia tra cui “G. Rospigliosi” di Lamporecchio, “J. S. Bach” di Sestri Levante, “Città di Piove di Sacco”, "Città di Gorizia”, “Dino Caravita” di Fusignano, "International piano competition” di Trieste, “A. Salirti” di Legnago”, “Vito Frazzi” di Firenze. Nel 2006 ha vinto il II premio di categoria al concorso “M. Clementi” di Lastra a Signa. Nel 2009 è stata selezionata per la finale del Concours Musicale de France a Parigi. Di recente è risultata tra i vincitori "Laureati" al XXIV Festival Chopin di Sochaczev in Polonia suonando presso il museo Chopin a Zelazova Wola e presso il Palazzo Szustra a Varsavia. Dal 2004 al 2008 si è dedicata con continuità anche al duo a quattro mani e anche in questa formazione ha vinto il Primo Premio Assoluto nei concorsi pianistici "J.S. Bach" di Sestri Levante, il "G. Rospigliosi" di Lamporecchio, "Etruria classica" di Piombino e molti altri. Negli ultimi anni ha tenuto recital solistici presso numerose sale del Veneto e del Friuli Venezia Giulia tra cui la Sala Marizza di Fogliano Redipuglia, Palazzo Cavagnis e Palazzo Albrizzi a Venezia, il teatro Eden e il museo Santa Caterina di Treviso, il teatro Zancanaro di Sacile, l’accademia Ars Nova di Trieste, la Sala Darsena di Lignano Sabbiadoro, il municipio di Canove, la Biasin Concert Hall di Azzano Decimo, l’auditorium comunale di Belluno, il teatro del Collegio Salesiano Astori di Mogliano Veneto, il palazzo Castagnari-Calza e la Villa Giglioli di Ficarolo oltre che presso il ridotto del Teatro Comunale di Pistoia, il palazzo Loschi di Vicenza, il Circolo Generali di Trieste. Nell’estate 2017 ha suonato presso la sala Campitelli di Roma nell’ambito del “Festival Musicale delle Nazioni - I concerti del Tempietto” di Roma. Di recente ha suonato con l’orchestra “Ferruccio Benvenuto Busoni” di Empoli (FI) il concerto K 246 di W.A. Mozart. Dal 2015 affianca alla propria formazione artistica l’attività didattica collaborando in qualità di docente di pianoforte con diverse scuole di musica del territorio.
 
Mary Rosada, nata a Conegliano (TV) nel 1993, inizia gli studi musicali sotto la guida di Cristina Nadal presso l’Accademia ArteCanto di Pordenone. Dal 2014 ad oggi frequenta il triennio ordinamentale in canto lirico presso il Conservatorio “B. Marcello” di Venezia. Frequenta inoltre il Master “Opera Laboratorio” sotto la guida del soprano E. Norberg- Schulz presso l’Università Tor Vergata di Roma. Inizia il suo percorso nel mondo della musica corale nel 2005 quando entra a far parte del “Coro Contrà Camolli” di Pordenone e nel 2009 passa a cantare nella sezione femminile “Ensamble in Contrà” e nella Cappella Musicale della stessa Associazione, dirette entrambe dal M° G. Goruppi, con un repertorio che spazia dal gregoriano al pop, dal rinascimentale al jazz. Qui ha avuto possibilità di confrontarsi in diversi contesti di musica d’insieme in rassegne e concerti tra Veneto, Friuli Venezia-Giulia e Slovenia. Si ricorda anche la partecipazione a concorsi a livello nazionale come il Festival Corale Internazionale ”Lago Maggiore” (2009), Corovivo a Trieste, “Garda in Coro” a Malcesine (VR). Inoltre dal 2012 partecipa ad alcune manifestazioni corali locali come voce solista (Paschalia III edizione, Cantica 2012, Nativitas). Dal 2013 al 2016 frequenta le Masterclass di Vocalità del soprano Stefania Antoniazzi con la partecipazione del M° Sherman Lowe. Nel 2016 frequenta il masterclass “Barocco Europeo” tenuta da Sara Mingardo presso Palazzo Ragazzoni a Sacile (PN). A livello solistico dal 2009 nell’area friulana (Basilica di Grado, Palazzo Ragazzoni a Sacile, Villa Manin a Pordenone) e veneta si esibisce in eventi e concerti di arie d’opera e sacre. A inizio 2014 ha debuttato nello spettacolo “Le Donne di Verdi” nel Teatro Pileo di Prata (PN) e nel Teatro Comunale di Precenicco (UD). A giugno 2014 partecipa alla 42^ edizione del Rome Festival a Roma, dove debutta nel ruolo di Primo Spirito nel Flauto Magico di Mozart. A marzo 2015 si esibisce assieme al Coro e all’orchestra del Conservatorio B. Marcello nella “Missa in tempore belli” di Handel presso il Teatro La Fenice di Venezia. Nel 2016 presso il Teatro comunale Mario Del Monaco di Treviso è la moglie del colonnello nel dittico donizettiano “Il campanello” e “Il giovedì grasso”, diretto dal F.Trinca con la regia di F.Bellotto. Nel 2017 presso il Teatro comunale Mario Del Monaco di Treviso è parte del coro ne “Die Entführung aus dem Serail” di W.A.Mozart, diretto da F.Ommassini con la regia di R.Driver. Ad aprile 2017 ha partecipato alla masterclass tenuta da Fiorenza Cedolins presso Villa Cattaneo a Pordenone, mentre nel mese di maggio e di luglio ha frequentato le masterclass di Elizabeth Norberg-Schulz a Palermo e al Festival di Chianciano Terme. A settembre 2017 è stata selezionata per partecipare alla masterclass tenuta dalla Sig.ra Silvana Bazzoni Bartoli all’interno del “Gstaad Menuhin Festival” a Gstaad (CH). Ad ottobre e gennaio prossimi farà parte del coro per la produzione di “Lucia di Lammermoor”di G.Donizetti e di “Traviata”di G.Verdi presso il Teatro Comunale di Treviso. Attualmente frequenta il corso di laurea magistrale in Progettazione Urbana presso l’Università Roma Tre. E’ laureata a pieni voti in scienze dell’architettura presso l’Università IUAV di Venezia.
 
Stefano Cascioli, nato a Trieste nel 1995, è laureato in violino (109) e composizione (110 e lode), rispettivamente con i maestri Diana Mustea e Mario Pagotto. Oltre a frequentare il biennio specialistico di pianoforte sotto la guida del M° Massimo Gon, attualmente segue il corso triennale di direzione d’orchestra tenuto dal M° Donato Renzetti presso l’Accademia musicale Pescarese e le masterclasses tenute da Maria Grazia Bellocchio nell’ambito del corso di musica contemporanea, organizzato dal Divertimento Ensemble, “Call for Young Performers”. Premiato in occasione di numerosi concorsi nazionali ed internazionali di categoria, tra i quali “Città di Sestri levante” e “Moncalieri music competition”, ha conseguito il primo premio al concorso “Città di Palmanova”, e il primo premio assoluto al “Memorial don Oreste Rosso” di Martignacco e al “Città di Treviso”, unico italiano vincitore nell’edizione 2015. Si è perfezionato con i maestri Andrea Carcano, Massimo Gon, Aldo Ciccolini, Paul Badura-Skoda, Maria Grazia Bellocchio e Robert Levin al Mozarteum di Salisburgo. Particolarmente attento alle nuove scoperte musicologiche, ha approfondito lo studio del violino barocco e della prassi esecutiva filologica con Enrico Onofri, Elisa Citterio ed Enrico Gatti. Scrive per il Corriere Musicale.